The long‐standing history of Corynebacterium parvum, immunity, and viruses

The long‐standing history of Corynebacterium parvum, immunity, and viruses

In questo periodo di emergenza Covid-19, abbiamo approfondito il Corynebacterium parvum (C.parvum) e le sue applicazioni cliniche, pubblicando sulla nota rivista scientifica Journal of medical virology, una review contenente tutti gli studi sperimentali e clinici sull’attività antivirale del C. parvum inattivato (noto anche come Cutibacterium acnes) condotti negli ultimi 60 anni.

Questo batterio è stato originariamente studiato e utilizzato per le sue proprietà oncolitiche legate all’attività immuno-modulante, ma l’interesse scientifico a prevenire e curare con successo infezioni batteriche, fungine e virali, e ad aumentare la immunità innata, ha portato a numerose sperimentazioni animali e alcune cliniche.

La drammatica situazione clinica dovuta all’imminente pandemia CoVid‐19 potrebbe costituire una valida motivazione per  riesumare ed evidenziare come tale strategia terapeutica aspecifica abbia un ruolo chiave nella prevenzione e terapia; poichè nessun virus nuovo o mutato può potenzialmente sfuggire a questa forte sorveglianza immunitaria innata rafforzata da un adeguato Protocollo C.Parvum.

Clicca qui per leggere il full-text della pubblicazione

PRIMA INCHIESTA ITALIANA SU ALCUNI ASPETTI DELLA SALUTE DEI MEDICI: INDAGINE STATISTICA

PRIMA INCHIESTA ITALIANA SU ALCUNI ASPETTI DELLA SALUTE DEI MEDICI: INDAGINE STATISTICA

I medici rappresentano una categoria professionale sottoposta a un forte stress. Esso è dovuto alla posizione di estrema responsabilità che rivestono, al poco tempo e alle povere relazioni interpersonali che possono condurre ad ansia, depressione, abuso di sostanze stupefacenti, alcolismo e, in sporadici casi, anche al suicidio. Il progetto Medico-Cura-Te-Stesso nasce dalla necessità di un servizio che si occupi della salute dei medici, anche in pensione, che spesso sottovalutano i propri problemi di salute. Abbiamo eseguito un sondaggio su un campione di 251 medici. Essi hanno aderito a rispondere a un questionario riguardante le loro malattie e l’uso di medicinali per curarsi, la prevenzione, il sovrappeso in relazione all’attività fisica praticata e la dieta associata, le loro attitudini artistiche e modalità e tempi di svago.

Clicca qui per leggere la nostra pubblicazione scientifica